Il Territorio

Il Comune di Capaccio Paestum conta 22 285 abitanti circa. Ha densità 197,16 ab./km² con una superficie di 113,03 km². Il codice postale è 84047 mentre il prefisso 0828.  Confina con i comuni di Agropoli, Albanella, Cicerale, Eboli, Giungano, Roccadaspide e Trentinara. Conta ben 12 frazioni: Cafasso/Borgonuovo, Capaccio scalo, Capo di Fiume, Gromola/Foce Sele, Laura, Paestum, Ponte Barizzo, Rettifilo/Vannulo, Santa Venere, Seude Spinazzo/Varco Cilentano, Torre/Licinella, Vuccolo Maiorano. 

Situato in collina tra i 308 e i 450 metri sul livello del mare, domina la pianura del Sele e il Golfo di Salerno, dal Promontorio di Agropoli alla Costiera Amalfitana. È racchiuso in un altopiano a cavallo tra il monte Sottano  ed il monte Soprano ed è abbracciato a sud dal fiume Sele e a nord dal fiume Solofrone.

L’incantevole paesaggio è caratterizzato da una lunga linea di costa,  14 kilometri, seguita da una vasta pianura, intensamente coltivata che giunge fino alle pendici del gruppo montuoso, rientrante nel parco nazionale del Cilento e Vallo di Diana. La frescura della sua pineta permette riparo nelle ore più calde, con i sui diversi campeggi e villaggi attrezzati consente di riposare e rilassarsi prima di tornare a bagnarsi nelle sue acque cristalline. Nel Giugno 2021 viene inaugurato un primo intervento di riqualificazione ambientale e di messa in sicurezza della fascia litoranea. Il Lungomare di Capaccio si veste di un nuovo carattere ed un nuovo slancio per una vera località balneare dall’enormi potenzialità. Le passeggiate al tramonto regalano emozioni uniche e l’alba con i suoi colori tenui, dolci risvegli per un soggiorno di vacanze al mare di relax  e benessere. 

Deve la sua fama al sito archeologico di Paestum patrimonio mondiale dell’Unesco dal 1998. Ma oltre alla significazione archeologica,storica e culturale la città ha mille piccoli scrigni. Poco distante dall’area archeologica nella frazione di Borgo Cafasso sorge il complesso immobiliare dell’Ex Tabacchificio. Dall’importante valore storico-culturale, l’edificio è ora a disposizione della comunità, come valore aggiunto per la Piana del Sele. Restaurato e convertito a polo fieristico – espositivo per la promozione delle filiere produttive locali l’ex Tabacchificio rappresenta una vera e propria  iniziativa imprenditoriale, dapprima nel settore ortofrutticolo, poi con l’introduzione dell’industria del tabacco ed oggi  contenitore prestigioso per attività di pubblico interesse.  Il taglio del nastro, nel novembre 2021, in concomitanza con l’avvio della XXIII edizione della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, consegna alla Comunità di Capaccio un prestigioso immobile ed un esempio di archeologia industriale. Un pezzo di storia, nella storia, a costruzione di una nuova storia.

L’attrattiva paesaggistica e le particolarità geografiche locali valorizzano un patrimonio naturale unico, espressione dell’identità di un territorio straordinario. I percorsi urbani portano a meravigliosi angoli medievali, scorci di mare e vedute mozzafiato. 

Un intenso sistema produttivo agricolo alimenta il mercato a chilometro zero offrendo prodotti sani e genuini, prodotti dei propri orti, vigneti, oliveti, allevamenti. La Dieta Mediterranea propone un’esperienza culinaria alla scoperta dei segreti e della tradizione della Cucina cilentana. Le eccellenze del territorio sono la mozzarella di bufala campana DOP prodotto ottenuto dal latte di bufala ed il carciofo di Paestum IGP.  Il settore enogastronomico è di elevata qualità mentre emergono tipicità di artigianato locali  come ceramiche e  terracotta.  Un vero concentrato di benessere sono poi la linea di prodotti a latte di bufala, che raccontano tutto l’amore e la tradizione di una terra viva.

Il territorio del Comune di Capaccio Paestum offre una miriade di possibilità di svago. Passeggiate a cavallo, escursioni in montagna,  voli in deltaplano o col parapendio, paracadutismo  oltre a servizi ricreativi, sportivi e di godimento ambientale. Questi luoghi godono di un  connubio perfetto tra tradizioni, cultura, urbanismo e ruralità.

La trasparenza delle acque, le aree attrezzate ed un turismo balneare d’eccellenza  hanno fatto si che il Comune di Capaccio Paestum conquistasse la Bandiera Blu. Dopo questa, arriva dalla FEE anche il riconoscimento per i Comuni rurali sostenibili, la Certificazione Spighe Verdi che si unisce al riconoscimento di Comune ciclabile FIAB e alle Vele di Legambiente.  L’oasi dunale di Legambiente è un ambiente rilassante e  tranquillo, qui vi cresce il giglio bianco di mare, esemplare di flora protetta.

Identità territoriali, diversità paesaggistiche, risorse, eccellenze, dati ecologici e agronomici, usi storici, tradizioni locali e folkloristiche, testimonianze archeologiche ed architettoniche e processi di sviluppo sostenibili e all’avanguardia, questa è la città dei “dodici borghi”. 

0

Sentieri C.A.I.

0

Territorio kmq

0

Popolazione

0

Fascia Costiera km

Hits: 3

Skip to content